Cerchi Risposte?

Animali Novità: il traffico illecito di animali da compagnia diventa reato.

Sì. La legge 4 novembre 2010 n. 201 aggiunge un nuovo reato.

Dopo ben 23 anni, il Parlamento italiano – con legge n. 201 del 2010 – ha ratificato una Convenzione del Consiglio d’Europa risalente al 1987 e riguardante la protezione degli animali.

Il primo effetto della legge è quello di avere inasprito le pene per i delitti, già previsti dal codice penale, di “uccisione” e di “maltrattamento” di animali, portando il primo ad una forbice di pena da 4 mesi a 2 anni di reclusione, ed il secondo da 3 a 18 mesi (o ad una multa che può arrivare sino a 30.000 euro).

Queste due ipotesi di reato, insieme a quelle di “spettacoli o manifestazioni vietate” e di “divieto di combattimento tra animali” (artt. 544-quater e 544-quinquies del codice penale), riguardano la protezione della salute di tutte le specie animali, senza operare distinzioni tra animali domestici, fauna selvatica, animali randagi o altro.

Con la normativa entrata in vigore il 4 dicembre 2010, è stato inserito nell’ordinamento italiano, un nuovo reato: quello di “traffico illecito di animali da compagnia” (art. 4, legge 201 del 2010), che prevede pene che vanno da tre mesi a un anno di reclusione (più una salata multa fino a 15.000 euro), per chiunque introduce, trasporta, cede o riceve nel territorio nazionale animali da compagnia privi di sistemi per l’identificazione individuale (il cosiddetto ‘microchip’) e delle necessarie certificazioni sanitarie.

Tuttavia, come recita lo stesso ‘titolo’ del reato, la punizione – nel caso di traffico illecito – è limitata soltanto ad alcune tipologie di animali, ritenute “da compagnia”. Tra queste, infine, attraverso un complicato richiamo di altre disposizioni di leggi e direttive, si devono ritenere rientranti soltanto due specie: cani e gatti.

Troppo ristretta la nuova ipotesi penale? Consoliamoci con un’ulteriore imposizione contenuta nella legge: quella della confisca obbligatoria di tutti gli animali coinvolti nella tratta illegale.

 

Non hai trovato quello che cercavi? Clicca qui per porre un quesito ad un nostro avvocato!
 
  • Parliamo chiaro

    Ogni nostra risposta utilizza un linguaggio semplice e comprensibile da tutti.
  • Privacy garantita

    Con Legalclick, i tuoi dati sensibili e le tue domande sono al sicuro.
     
  • Professionalità

    Grazie al nostro team di avvocati professionisti sai sempre a chi rivolgerti.