Cerchi Risposte?

Infiltrazioni d'acqua per rottura della rete fognaria: chi paga?

La società che esegue la manutenzione risponde anche dei danni da rottura della rete. Ma non paga tutti i danni richiesti....

Chi gestisce ed opera, anche per la manutenzione, sulla rete fognaria cittadina, assume di fatto la responsabilità per tutti i danni che un sinistro (rottura di un tubo o perdita d'altro tipo) può provocare a beni pubblici e privati. Non sarà perciò l'ente comunale a pagare i danni, bensì l'ente o ditta che ne è di fatto custode (art. 2051 c.c.).

I proprietari di una casa che aveva subito rovinose infiltrazioni a causa della rottura di un tubo della rete fognaria, oltre ai danni immediati - cioè quelli del ripristino della situazione precedente alle infiltrazioni - domandavano anche la rifusione delle spese occorrenti a impermeabilizzare l'immobile contro futuri analoghi eventi. Altresì, gli abitanti della casa pretendevano dalla ditta custode della rete fognaria il risarcimento di un danno di natura 'esistenziale': per essere stati costretti a convivere con puzzolenti esalazioni dovute alle infiltrazioni.

Il Tribunale di Terni accordava ai proprietari di casa solo il danno immediato, emergente: cioè condannava a pagare il custode della rete fognaria solo i danni per la risistemazione dell'appartamento oggetto di infiltrazioni. Negava perciò la rifusione delle spese di impermeabilizzazione, perché non direttamente 'necessitate' dall'episodio accaduto e negava, altresì, il danno esistenziale per la convivenza con le esalazioni.

Tale ultima decisione era motivata dal Tribunale di Terni sulla scorta della giurisprudenza di Cassazione che - dalla sent. n. 26972 del 2008 a Sezioni Unite civili - ha stabilito che, per aversi risarcibilità di un danno esistenziale, la lesione deve riguardare un diritto fondamentale, deve essere grave con conseguenze individuabili e non lievi. Con il risultato, concludeva la sentenza, che i 'meri fastidi' non vanno risarciti e restano a carico dei singoli, in forza di un principio di solidarietà iscritto nella Costituzione (art. 2, Cost.). 

Non hai trovato quello che cercavi? Clicca qui per porre un quesito ad un nostro avvocato!
 
  • Parliamo chiaro

    Ogni nostra risposta utilizza un linguaggio semplice e comprensibile da tutti.
  • Privacy garantita

    Con Legalclick, i tuoi dati sensibili e le tue domande sono al sicuro.
     
  • Professionalità

    Grazie al nostro team di avvocati professionisti sai sempre a chi rivolgerti.